L’idrocolonterapia a Riminiterme

È un lavaggio del colon, la parte terminale dell’intestino in cui si formano le feci, effettuato tramite un piccolo e corto sondino introdotto nell’ano, con acqua normale filtrata e senza alcuna sostanza aggiunta, a BASSA PRESSIONE e temperature variabili.

È finalizzata a pulire completamente il colon e a rieducarne la funzionalità per migliorare vari disturbi intestinali e digestivi e così disintossicare tutto l’organismo dall’eccesso di scorie che si formano e cronicamente si accumulano. Questa disintossicazione profonda spiega i benefici che si possono ottenere non solo sull’apparato digerente, ma anche su tutta la sfera del benessere psicofisico e persino sull’estetica.

Si può effettuare anche in età pediatrica -da personale esperto- e molto avanzata, sempre previa valutazione del medico responsabile. Risulta controindicata, almeno temporaneamente, in poche situazioni come interventi chirurgici effettuati nell’ultimo mese sull’addome o sul bacino, gravidanze a rischio, patologia infiammatoria del colon  (malattia di Crohn, rettocolite ulcerosa) in fase acuta di diarrea sanguinante, diverticolite acuta con febbre e sanguinamento. Altre situazioni, come ernie, emorroidi, severe insufficienze epatiche renali o cardiache, vanno caso per caso valutate dal medico responsabile della terapia.

Non determina dolore in senso stretto, ma solo -a tratti ed in misura variabile- la percezione delle contrazioni intestinali di svuotamento, che il paziente in genere conosce. L’intestino, stimolato naturalmente dalla metodica di lavaggio, impara un po’ alla volta a svuotarsi spontaneamente in un sistema di condotti a circuito chiuso, senza situazioni sconvenienti. La pulizia che si ottiene è molto profonda, al punto che si può usare l’idrocolon anche per preparare l’intestino alla colonscopia; in questo caso, però, è necessaria una preventiva valutazione del medico almeno 10-15 giorni prima.

Il principale ostacolo alla idrocolonterapia  (e ovviamente anche alla colonscopia) sono gli eccessivi ristagni cronici di feci compatte e dure nell’intestino, cosa spesso ignorata o sottovalutata dal paziente -e pure dai medici-. Per questo motivo, è consigliabile -specie in chi è consapevole di non evacuare mai bene- l’assunzione di prodotti come Neo Bioxy, Ozovit, o semplicemente Magnesia San Pellegrino, con acqua calda la sera almeno 2 o 3 giorni prima del trattamento, ed anche un’alimentazione leggera e digeribile con buone quantità di acqua e vegetali ben masticati e passati di verdura. Il giorno della terapia, è sufficiente avere se possibile lo stomaco abbastanza libero almeno dalle ultime 2-3 ore.

Dopo aver effettuato il trattamento in genere ci si sente più leggeri ed energici, solo talvolta si può avvertire un certo bisogno di riposare. Di solito è sufficiente non programmarsi attività troppo impegnative nella mezza giornata seguente. Raramente, si può avere qualche sensazione di fastidio o gonfiore per le seguenti 24 ore circa dovuta alla stimolazione dell’attività intestinale. Le evacuazioni spontanee generalmente riprendono dopo 2-3 o talvolta 4 giorni (in base alla stipsi), in modo più regolare di prima.

Per info e prenotazioni 0541424011

<< TUTTE LE NEWS